Prevenzione della disgrafia

La prevenzione della disgrafia dovrebbe avvenire già alla Scuola dell’Infanzia, facilitando l’apprendimento grafico di tutti gli alunni, con maggiore attenzione a quelli che presentano difficoltà.

Ciò si rende possibile attraverso la cooperazione tra le insegnanti della Scuola e un consulente formato che, attraverso una programmazione su misura e monitoraggi periodici, mettono in atto attività per raggiungere un livello adeguato dei prerequisiti richiesti per la scrittura.

Riabilitazione del gesto grafico

Il trattamento ha inizio da una valutazione specifica dei prerequisiti necessari per una scrittura funzionale (motricità fine, dissociazione e coordinazione dei segmenti corporei, presa dello strumento, postura, abilità visuospaziali, …) e si concentra sullo sviluppo e il rinforzo delle abilità carenti attraverso attività che coinvolgono tutto il corpo, la manipolazione e la motricità fine. Infine si procede con l’aspetto grafico, ponendo attenzione alla corretta esecuzione delle singole lettere, dei collegamenti letterali e di tutti gli elementi collegati alla scrittura.

La valutazione e il trattamento sono consigliati in presenza di:

  • Dolori crescenti al polso e alle dita che possono arrivare ad irradiarsi al braccio
  • Scarsa leggibilità della scrittura con frequente confusione nella scrittura di lettere simili
  • Difficoltà spaziale nella rappresentazione dell’altezza delle lettere, della larghezza e di mantenimento del rigo
  • Lentezza nella scrittura

Per informazioni e prenotazioni:

Dott.ssa Martina Spinello – Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva

3466675467

martina.spinello95@gmail.com